24-25 ottobre 2018, European Judicial Training Network (EJTN) – Conferenza dei direttori a Vienna

Il 24 e il 25 ottobre, una conferenza della rete europea di addestramento giudiziaria (EJTN) si è svolta nel ministero federale della Costituzione, delle riforme, della deregolamentazione e della giustizia.

L’EJTN è un’associazione fondata nel 2000 per l’attività educativa comune della magistratura europea. Continua la lettura di 24-25 ottobre 2018, European Judicial Training Network (EJTN) – Conferenza dei direttori a Vienna

22 ottobre 2018, Cracovia, Polonia: il presidente Whyte incontra l’organizzazione membro polacca OSRS

A Cracovia, il presidente Whyte ha incontrato M. Maciej Neusser, presidente, e tre altri colleghi dell’organizzazione membro dell’EUR Ogólnopolskiego Stowarzyszenia Referendarzy Sadowych(OSRS).

I referendari polacchi dispongono di competenze estese nei campi del gratuito patrocinio, del diritto di famiglia, delle ingiunzioni di pagamento, dei registri, Continua la lettura di 22 ottobre 2018, Cracovia, Polonia: il presidente Whyte incontra l’organizzazione membro polacca OSRS

9-11 ottobre 2018, Strasburgo, Francia: riunione del comitato di pilotaggio del Centro SATURN

Il presidente Vivien Whyte ed il presidente onorario Jean-
Jacques Kuster hanno assistito alla riunione di ottobre del
comitato di pilotaggio del Centro Saturn della CEPEJ a Strasburgo. Hanno presentato delle osservazioni sul ruolo
del personale non giudice in parecchi campi, ivi compreso
la ponderatezza degli affari (citando il sistema rumeno
presentato all’assemblea generale a Bucarest). Hanno
suggerito in particolare che le statistiche di gestione dei tribunali includano dei dati sul numero di affari trattati dal Rechtspfleger.

Vivien Whyte ha presentato anche i risultati dell’inchiesta condotta presso le organizzazioni membro dell’EUR sulla realizzazione della Raccomandazione (86) 12. Continua la lettura di 9-11 ottobre 2018, Strasburgo, Francia: riunione del comitato di pilotaggio del Centro SATURN

19 settembre 2018, Strasburgo: giornata internazionale della democrazia

In occasione della giornata internazionale della democrazia, la Direzione Generale della Democrazia e la Presidentessa della conferenza degli OING del Consiglio d’Europa ha tenuto un conferenza-dibattito su “la democrazia ed il popolo” mirando a riaffermare il valore delle nostre istituzioni democratiche fondate sui diritti umani individuali, la partecipazione civile alle decisioni pubbliche ed allo stato di diritto.

L’intervento di Yascha Mounk, autore del “The people vs Democracy” ha aperto la discussione. Davanti alla crescita dei populismi in numerosi stati d’Europa, i cittadini e le organizzazioni della società civile devono organizzarsi per difendere i valori della democrazia. Molti intervenienti hanno presentato l’esempio di iniziative come “le assemblee cittadine” che hanno permesso una partecipazione più attiva dei cittadini. I rappresentanti del Consiglio d’Europa hanno ricordato i mezzi messi a disposizione per il Consiglio d’Europa per rendere più partecipativa la democrazia (Linee direttrici per una partecipazione della società civile alle decisioni politiche; Competenze per una cultura della democrazia; I 12 principi di buon governo).

In conclusione, la presidentessa della conferenza degli OING ha sottolineato la necessaria riflessione che deve condurre gli OING per dialogare meglio coi cittadini.

Jean-Jacques KUSTER, rappresentava l’EUR a questa conferenza.

L’EUR incontra il presidente Arno Metzler, Bruxelles, 12 luglio 2018

In seguito alla conferenza organizzata dall’EUR ed il Comitato economico e sociale europeo (CESE) a Bruxelles il 10 marzo 2018, Vivien Whyte ha incontrato il Presidente Arno Metzler a Bruxelles il 12 luglio 2018.

Sig. Metzler, della Germania, è il nuovo presidente della gruppo “Diversità Europa” del CESE. Il Gruppo comprende dei rappresentanti e delle parti pregnanti della società civile, in particolare nei campi economici, civici, professionali e culturali. Il suo obiettivo è di realizzare “una vera democrazia partecipativa nell’unione europea, attraverso il dialogo civile”. Avvocato di professione, il presidente Metzler ha una conoscenza diretta del Rechtspfleger.

I due presidenti hanno discusso del ruolo attuale del Rechtspfleger e delle professioni similari nel rafforzamento dei sistemi giudiziari in Europa. Hanno evocato anche l’eventuale implicazione dell’EUR in parecchi progetti del CESE relativi allo stato di diritto. Difatti, le proposte dell’EUR per un Rechtspfleger per l’Europa sono nella diritta linea delle attività attuali del CESE in questo campo.

Sessione estiva della Conferenza delle OING, Consiglio d’Europa, Strasburgo, 29 giugno 2018

Il presidente Vivien Whyte ha rappresentato l’EUR in occasione della sessione estiva della Conferenza delle organizzazioni internazionali non governative del Consiglio d’Europa il 29 giugno 2018.

La seduta di apertura ha affrontato due questioni molto importanti per l’EUR e le ONG in Europa: restituire la fiducia della popolazione nelle istituzioni pubbliche ed prevenire le restrizioni inappropriate alle attività delle ONG in Europa. Continua la lettura di Sessione estiva della Conferenza delle OING, Consiglio d’Europa, Strasburgo, 29 giugno 2018

Riunione plenaria e 15° anniversario della Commissione europea per l’efficacia della giustizia, Consiglio d’Europa, Strasburgo, 27-29 giugno 2018

La creazione della CEPEJ il 18 settembre 2002, sono più di 15 anni, ha dimostrato la volontà del Consiglio d’Europa di promuovere l’Europa del diritto ed il rispetto dei diritti fondamentali in Europa, sulla base della Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Da 15 anni, le attività della CEPEJ consistono nell’assistere gli Stati membri per migliorare i loro sistemi giudiziari aumentando in particolare l’efficacia e la qualità, e garantendo la loro conformità alle norme del Consiglio d’Europa. È composta da gruppi di lavoro sulla valutazione dei sistemi giudiziari, la qualità della giustizia, la mediazione, la gestione dei termini giudiziari, di una rete di corrispondenti nazionali, di tribunali referenti, di esperti e di osservatori.

In occasione di questo anniversario ha pubblicato un puscolo per rimarcare i 15 anni del suo contributo al miglioramento dei sistemi giudiziari: https://rm.coe.int/prems-083118-bil-2013-15ecompleanno-cepej-web/16808b5ee4.

L’EUR ha ottenuto, fin dalla creazione della CEPEJ, lo statuto di osservatore presso questa commissione, cosa che gli permette di portare lì il punto di vista ed il contributo dei cancellieri, Rechtspfleger e professioni similari intervenendo nella catena della giustizia, al fianco degli altri attori (giudici, procuratori, avvocati, mediatori, ufficiali giudiziari, periti giudiziari, notai).

Aperta dalla Signora Gabriella Battaini-Dragoni, segretario generale aggiunto del Consiglio d’Europa, la riunione ha esordito con una sessione di studi sull’intelligenza artificiale ed i sistemi giudiziari. Gli intervenuti (professori universitari, filosofi, ricercatori e giudici) hanno presentato questa questione sotto l’aspetto del sostegno che l’intelligenza artificiale può portare alla giustizia pur garantendo il rispetto dei diritti fondamentali garantiti dalla convenzione europea dei diritti dell’uomo. Il gruppo di lavoro della CEPEJ sulla qualità della giustizia. La CEPEJ continuerà a condurre dei lavori su questa importante problematica. Gli interventi possono essere consultati sul sito internet del CEPEJ: http://www.coe.int/fr/web/cepej/justice-of-tè-futuro-predictive-giustizia-andartificial-intelligenza

Un punto è stato fatto anche :

  • sui lavori del gruppo di pilotaggio del Centro SATURN nel campo della ponderatezza degli affari per preparare un quadro di controllo per la gestione dei tribunali, per gestire i termini di giustizia negli affari penali e concernente il ruolo delle parti e dei praticanti nella prevenzione dei ritardi nelle procedure,
  • sui lavori in seno al gruppo di lavoro qualità concernente l’intelligenza artificiale e la giustizia, su un sistema di gestione degli affari riguardanti i bisogni degli utenti, sulla comunicazione dei tribunali e l’elaborazione di un contenitore per la realizzazione delle linee direttrici per la rotta del cambiamento verso la cyber giustizia.

E’ stato adottato il contenitore elaborato dal gruppo di lavoro” mediazione” per migliorare la stessa.

Il punto essenziale della riunione mirava ad adottare il rapporto “Sistemi Giudiziari europei, efficacia e qualità della giustizia-Edizione 2018” che sarà pubblicata il 4 ottobre 2018. Il capitolo 3 sul personale goiudiziario consterà di una parte sul “personale non giudice” (cancellieri, Rechtspfleger e professioni similari) L’EUR ha fatto valere le sue osservazioni in merito al loro ruolo in seno ai sistemi giudiziari europei. Saranno integrate al rapporto.

L’EUR era rappresentata da Vivien Whyte e Jean-Jacques Kuster.

Laboratorio sul Libro Fondiario europeo, Tallinn, 1 giugno 2018

La Rete del Libro fondiario europeo (ELRN) è stata creata dall’associazione del Libro fondiario europeo (ELRA) per “sviluppare e comprendere il ruolo della registrazione fondiaria sui mercati immobiliari e finanziari” (www.elra.eu),). ELRA raggruppa delle organizzazioni del libro fondiario di 22 paesi europei. Certi punti di contatto dell’ELRN sono anche attivi in seno all’EUR per la contemporanea presenza delle loro organizzazioni professionali (Estonia, Polonia). Lavorano attualmente con la Commissione europea per fornire una piattaforma di interoperabilità tra i registri dell’imposta fondiaria in Europa con un vocabolario comune (progetto IMOLA II).

Il libro fondiario è una delle competenze che l’EUR raccomanda di trasferire al Rechtspfleger per l’Europa nei paesi dove attiene alla competenza dei tribunali. Difatti, in parecchi paesi europei, il registro fondiario è gestito già da un Rechtspfleger o personale similare non-giudice dei tribunali (Austria, Estonia, Germania, Polonia). In altri paesi, il registro fondiario è gestito da un’istituzione pubblica che è sia legata al ministero della giustizia (per esempio, il Portogallo, o ad un altro ministero (per esempio, la Romania).

L’EUR ha invitato ELRA a partecipare alla sua conferenza del marzo 2018 al Comitato economico e sociale europeo, dove il presidente Jean Moerkerke (Belgio) e la segretaria generale Nuria Raga (Spagna), hanno presentato ELRA ed i suoi progetti attuali.

In seguito a questo avvenimento, il presidente Vivien Whyte è stato invitato a partecipare ad un laboratorio dell’ELRN che si è svolto al Ministero estone della Giustizia a Tallinn il 1 giugno 2018.

Vivien Whyte ha presentato l’EUR ed i suoi progetti ai punti di contatto ELRN così come alle altre autorità che assistevano alla riunione tra cui un universitario e dei giudici di parecchi paesi europei.

Tra gli altri argomenti affrontati figuravano il regolamento europeo sui regimi matrimoniali, la giurisprudenza recente della Corte europea dei diritti dell’uomo e della Corte di giustizia dell’unione europea e la tecnologia Blockchain.

CEPEJ, Gruppo Di Lavoro Sulla Mediazione, 24-25 Maggio 2018, Consiglio D’europa, Strasburgo

Il gruppo di lavoro della CEPEJ sulla mediazione è stato creato nel 2006 per promuovere e sostenere la realizzazione delle raccomandazioni del Comitato dei ministri del Consiglio dell’Europa relativa alla mediazione. I suoi lavori hanno permesso al Consiglio d’Europa di pubblicare nel 2007 parecchie linee direttrici per una migliore realizzazione delle raccomandazioni esistenti.

Il bisogno di mediazione si è sviluppato durante l’anno e nel 2017 è apparso necessario completare queste linee direttrici per l’uso pratico che permettono agli Stati di realizzare e sviluppare il ricorso alla mediazione. L’EUR è stata ammessa in quanto osservatore in questo gruppo di lavoro all’epoca della sua riattivazione. Continua la lettura di CEPEJ, Gruppo Di Lavoro Sulla Mediazione, 24-25 Maggio 2018, Consiglio D’europa, Strasburgo

CEPEJ, Gruppo Di Lavoro Valutazione, 15-17 Maggio 2018, Consiglio D’europa, Strasburgo

Lo statuto della CEPEJ mette l’accento sul paragone dei sistemi giudiziari e sullo scambio di conoscenze relative al loro funzionamento. La portata di questo paragone supera l’efficacia nel senso stretto del termine, poiché si interessa in modo particolare alla qualità ed all’efficacia della giustizia.

Per compiere questi compiti, la CEPEJ ha intrapreso in particolare un processo regolare di valutazione dei sistemi giudiziari degli Stati membri del Consiglio d’Europa. Continua la lettura di CEPEJ, Gruppo Di Lavoro Valutazione, 15-17 Maggio 2018, Consiglio D’europa, Strasburgo

leo. elit. libero ante. dolor fringilla pulvinar risus.