4-7 aprile 2019, Anadia, Portugal : congresso del sindacato portoghese SFJ

Vivien Whyte ha partecipato al congresso dell’organizzazione membro portoghese Sindicato dos Funcionários Judiciais (SFJ) il 4 e 5 aprile 2019, alla presenza della segretaria di stato alla giustizia, del sindaco della città, e dei rappresentanti del presidente e procuratore generale della Corte suprema. Oltre numerosi funzionari portoghesi, partecipavano all’avvenimento dei rappresentanti di parecchie altre organizzazioni sindacali.

Nel suo discorso in occasione della cerimonia di apertura, il presidente dell’EUR è ritornato sul movimento sociale condotto dai colleghi portoghesi da parecchi mesi per ottenere un migliore statuto, una pensione decente, la ricomposizione delle carriere e la realizzazione delle promozioni. Ha rinnovato loro il sostegno dei cancellieri e Rechtspfleger d’Europa in questa battaglia giusta e necessaria. Ha ricordato che i funzionari giudiziari, garanti della forma, erano anche garanti della libertà e che i politici che decidono hanno il dovere di riconoscere il loro ruolo essenziale nel funzionamento del sistema giudiziario.

Continua la lettura di 4-7 aprile 2019, Anadia, Portugal : congresso del sindacato portoghese SFJ

26 aprile 2019, Consiglio d’Europa, Strasburgo : seguito e fine delle discussioni sull’ aggiornamento della Raccomandazione R(86)12

Il 16 settembre 1986, il Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa ha adottato la Raccomandazione R(86)12 su certe misure che mirano a prevenire ed a ridurre il carico di lavoro eccessivo dei tribunali. Questo strumento menzionava il Rechtspfleger tedesco ed austriaco come una buona pratica e proponeva un elenco di compiti non giudiziari da cui i giudici potevano essere liberati. Grazie a questo strumento, la situazione è migliorata.

Tuttavia, i sistemi giudiziari si sono evoluti, i metodi di lavoro sono cambiati, la situazione economica e politica si è deteriorata.

Continua la lettura di 26 aprile 2019, Consiglio d’Europa, Strasburgo : seguito e fine delle discussioni sull’ aggiornamento della Raccomandazione R(86)12

10-12 aprile 2019, Consiglio d’Europa, Strasburgo : sessione di primavera della conferenza delle OING

In occasione di questa sessione, le OING sono stati incoraggiati a mostrare il loro impegno verso il Consiglio dell’Europa che celebre nel 2019 il suo 70° compleanno. Il Consiglio d’Europa attraversa una crisi di bilancio e politica che lo costringono attualmente a misure di bilancio restrittive.

Continua la lettura di 10-12 aprile 2019, Consiglio d’Europa, Strasburgo : sessione di primavera della conferenza delle OING

10-12 aprile, Treviri, Germania: Progetto di formazione dei funzionari di giustizia in Europa dell’accademia di diritto europeo

Nel quadro del programma Giustizia della direzione generale della Giustizia della Commissione europea, l’accademia di diritto europeo (ERA), in partnership con la Rete europea di formazione giudiziaria (EJTN) e col sostegno di 23 istituzioni di formazione di 19 Stati membri dell’UE (per l’Austria, il ministero federale della costituzione, delle riforme, della deregolazione e della giustizia) hanno presentato un progetto pilota di formazione dei funzionari di giustizia europea in diritto europeo.

Continua la lettura di 10-12 aprile, Treviri, Germania: Progetto di formazione dei funzionari di giustizia in Europa dell’accademia di diritto europeo

3 – 4 aprile 2019, Consiglio d’Europa, Strasburgo: riunione del gruppo SATURN della Commissione europea per l’efficacia della giustizia (CEPEJ)

Il Gruppo di Pilotaggio del Centro SATURN per la gestione del tempo giudiziario si è riunito a Strasburgo il 3 e 4 aprile 2019.

Parecchie questioni sono state dibattute in occasione di questa riunione in vista della preparazione di documenti da sottoporre all’assemblea plenaria:
• la guida per la messa in opera dei termini giudiziari europei,
• la ponderazione degli affari nei tribunali europei,
• l’elaborazione di linee direttrici per un modello di schema di controllo per la gestione dei tribunali,
• la gestione delle regole di tempi giudiziari per gli affari penali negli articoli 5 e 6 della Convenzione europea dei Diritti dell’uomo,
• il ruolo delle parti e degli esperti per prevenire i ritardi nelle procedure giudiziarie.

Continua la lettura di 3 – 4 aprile 2019, Consiglio d’Europa, Strasburgo: riunione del gruppo SATURN della Commissione europea per l’efficacia della giustizia (CEPEJ)

14 – 15 marzo 2019, Strasburgo: Gruppo di lavoro della CEPEJ sulla qualità

In occasione di questa riunione, il gruppo ha esaminato le misure che permettono la messa in opera effettiva dei principi della “Carta etica europea dell’utilizzazione dell’intelligenza artificiale nei sistemi giudiziali nazionali ed il loro sviluppo ” (https://rm.coe.int/charte-etique-fr-per-pubblicazione-4-dicembre-2018/16808f699b). Ha lavorato anche su una serie di misure per rafforzare la messa in opera delle Linee direttrici sulla condotta del cambiamento verso la cybergiustizia.  

Continua la lettura di 14 – 15 marzo 2019, Strasburgo: Gruppo di lavoro della CEPEJ sulla qualità

14 marzo 2019, Bruxelles: il presidente Whyte incontra il Sig.Alvaro De Elera

Il 14 marzo, Vivien Whyte ha incontrato il Sig.Alvaro De Elera, membro del gabinetto del Primo vicepresidente della Commissione europea Sig.Frans Timmermans e gli ha consegnato una copia del Libro bianco per un Rechtspfleger/Greffier per l’Europa.  

Il Sig. De Elera è incaricato dello stato di diritto in seno al Gabinetto. In quanto avvocato formatosi in Spagna, è a conoscenza del ruolo cruciale dei Letrados de la Administracion de Justicia e dei loro omologhi negli altri undici Stati membri. Si è mostrato molto interessato per i contributi che le nostre professioni portano al livello nazionale ed europeo nella protezione dei valori dell’unione europea. Segue molto da vicino gli sviluppi in Ungheria, Polonia e Romania.  

Continua la lettura di 14 marzo 2019, Bruxelles: il presidente Whyte incontra il Sig.Alvaro De Elera

8 marzo 2019, Bruxelles: nuovo incontro con la DG Giustizia

Nel quadro degli incontri regolari tra l’EUR e le Direzioni generali della giustizia della Commissione europea, Vivien Whyte ha incontrato l’8 marzo la Sig.ra Niovi Ringou, capo dell’unità Politica della giustizia per parlare dell’evoluzione possibile del contenuto del Pannello di controllo sulla giustizia nell’unione europea. 

Continua la lettura di 8 marzo 2019, Bruxelles: nuovo incontro con la DG Giustizia

1° febbraio 2019, La Valletta, Malta: programma della CEPEJ a Malta

In seguito alla richiesta delle autorità maltesi, la CEPEJ ha lanciato un progetto che mira a sostenere l’efficacia della giustizia a Malta. Un giudice italiano, un giudice della Corte suprema della Slovenia, il capo del servizio dei procuratori federali in Belgio e la tesoriera dell’EUR, Catherine Assioma, responsabile aggiunto dei servizi giudiziari in Francia, sono i periti di questa missione.

Il progetto è finanziato dal SRSS (Servizio di appoggio alla riforma strutturale) dell’UE.

L’obiettivo principale di questa prima riunione era di riunire il maggior numero di materiale e di notizie e di comprendere le attese delle parti maltesi, prima di poter proporre delle soluzioni basate sui modelli dei periti.

Abbiamo incontrato un lungo elenco di partecipanti, giudici e magistrati, il capo supplente della Corte ed il direttore generale dell’informatica.
La missione comporta due aspetti principali che mirano a ridurre la durata delle procedure : l’identificazione dei miglioramenti e la formulazione di raccomandazioni concernenti le procedure in seno alla giurisdizione superiore della Corte di Appello, l’altro è di sostenere l’elaborazione di una strategia in materia di risorse umane per il personale giudiziario e di supporto.

I periti pubblicheranno il loro primo rapporto a fine marzo, prima della loro prossima visita a La Valletta, a fine aprile.

3 – 4 dicembre 2018, Consiglio d’Europa, Strasburgo: 31° riunione plenaria della CEPEJ

La riunione era presieduta da Georg STAWA (Austria), presidente della CEPEJ che finiva il suo mandato di quattro anni. La CEPEJ lo ringrazia per la sua azione decisiva nello sviluppo della commissione e per conferirgli un ruolo di motore nel dibattito sul funzionamento dei sistemi giudiziari in Europa ed oltre.

L’anno 2018 è stato particolarmente denso per la CEPEJ alla luce dei testi adottati e della pubblicazione nell’ottobre 2018 del rapporto su “I sistemi giudiziari europei – Edizione 2018” che ha avuto ampia eco eco sia tra i poteri pubblici che tra i professionisti della giustizia. I preparativi dell’edizione 2020 sono già in corso.

Durante questa riunione, parecchi documenti preparati dai gruppi di lavoro della CEPEJ sono stati adottati:

  • il Codice di deontologia europea sull’utilizzazione dell’intelligenza artificiale nei sistemi giudiziari ed il loro ambiente naturale che fornisce per la prima volta in Europa un quadro di principi destinati a guidare coloro che decidono, gli avvocati ed i professionisti della giustizia nella gestione dello sviluppo veloce dell’intelligenza artificiale a livello nazionale nelle procedure giudiziarie, 
  • la guida della comunicazione giudiziaria col pubblico ed i media,
  • le linee direttrici riviste per la gestione del tempo giudiziario,
  • l’analisi dei termini giudiziari (aggiornato) negli Stati membri del Consiglio d’Europa,
  • la griglia di riferimento per gli indicatori di prestazione di mediazione, statistiche di base della mediazione, ed il codice di condotta europea per i prescrittori di mediazione, così come i modelli di formulari di mediazione che completano l’insieme dei mezzi per lo sviluppo della mediazione.

I testi adottati possono essere consultati sul sito internet del CEPEJ : https://www.coe.int/en/web/cepej.

Durante questa riunione, due richieste hanno interessato particolarmente l’EUR.

In seguito alla richiesta dell’EUR di aggiornare la Raccomandazione del Consiglio dell’Europa n ° R (86) 12 su certe misure che mirano a prevenire e a ridurre il carico di lavoro dei tribunali, la CEPEJ ha deciso di trasmettere al Comitato europeo di cooperazione giuridica (CDCJ) del Consiglio d’Europa, il riassunto preparato dall’EUR sui compiti trasferiti dal giudice ai cancellieri dei tribunali / cancellieri o ad altre professioni.

La CEPEJ ha espresso l’augurio che il CDCJ possa intraprendere la revisione della raccomandazione per migliorare l’efficacia e la qualità della giustizia il più presto possibile.

Inoltre, la CEPEJ è stata informata che il Comitato consultivo di giudici europei (CCJE) ha intenzione di preparare nel 2019 un parere sull’argomento dei cancellieri ed assistenti di giustizia e sulle loro relazioni con i giudici e preparerà un rapporto su questo argomento per l’adozione nella sua 20° riunione (novembre 2019). L’EUR, particolarmente interessata per questi lavori, offrirà la sua perizia per i lavori proposti.

Il nuovo Consiglio della CEPEJ eletto durante questa riunione è composto da: Ramin Gurbanov (Azerbaigian), presidente, da Ivana Borzova (Repubblica ceca), vicepresidente, Francesco Depasquale (Malta) e Laetitia Brunin, (Francia), membri del consiglio.

Jean-Jacques Kuster rappresentava l’EUR.

eget luctus sit dictum Aenean leo. accumsan vulputate, eleifend diam velit, vel,