15 maggio 2019, Bruxelles: l’EUR ricevuto alla segreteria generale della Commissione europea

Il 15 maggio 2019, il presidente Vivien Whyte ha incontrato il Signor Marcel Haag, direttore in carica del semestre europeo ed il Signor Julien Mousnier, capo dell’unità ” diritti dei cittadini e dei consumatori e Stato di diritto ” della segreteria generale della Commissione europea.

Questo incontro si inserisce nello sforzo dell’EUR che mira a dare visibilità ai Rechtspfleger ed altro personale no-giudice nei documenti operativi dell’unione europea.

Difatti, queste professioni sono indispensabili al funzionamento dei tribunali e dunque dell’economia.

Assicurano anche un ruolo fondamentale di ponte tra i cittadini e le loro giustizie, rinforzando la fiducia del pubblico nelle sue istituzioni e per questo anche il rispetto per lo stato di diritto. Inoltre, in dodici Stati membri dell’unione europea, i Rechtspfleger e professioni similari alleggeriscono i giudici di una parte importante del loro lavoro. Prendendo delle decisioni indipendenti in vari campi, permettono ai giudici di concentrarsi sugli affari contenziosi più complessi.

I responsabili europei incontrati hanno convenuto del ruolo essenziale del personale nogiudice nel perseguimento degli obiettivi fissati dal semestre europeo e, più largamente, nella preservazione dello stato di diritto. In particolare, la situazione di grave carenza checonoscono i cancellieri in Romania è stata affrontata. Difatti, la corte di appello di Bucarest, la più grande corte del paese, ha conosciuto un rialzo di attività del 72% in 11 anni mentre nello stesso periodo i suoi cancellieri sono aumentati solamente del 27%.

Sono state discusse anche le prospettive future delle nostre professioni nell’ottica dei progressi tecnologici, e particolarmente dell’intelligenza artificiale.

La segreteria generale chiederà alla direzione generale della giustizia della Commissione di fornire loro i dati sul personale no-giudici necessari ad un’analisi completa dei sistemi giudiziari.